Il torrone? Cittadino del mondo.

Il torrone? Cittadino del mondo.

Si dice “torrone” e subito si pensa al Natale.

Ma quando nasce questo dolce? E dove? Chi l’ha inventato?

Non è così facile rispondere a queste domande.

Le origini del torrone sono, infatti, avvolte dal mistero, e la sua storia, ricostruita tra leggende e realtà, è piena di fascino.

 

Narra una leggenda che il primo torrone fu quello servito a Cremona, in occasione del banchetto nuziale tra Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza, il 25 ottobre del 1441.

Secondo la tradizione lombarda il dolce a base di mandorle e miele avrebbe avuto la forma del Torrazzo, campanile della cattedrale cremonese dal quale sarebbe derivato anche il nome.

 

È solo una leggenda, appunto, ma non c’è dubbio che il legame tra la città lombarda e il torrone sia molto antico, risalente almeno al Cinquecento.

 

Eppure, se si approfondisce la questione, anche grazie a studi linguistici ed etimologici, si scopre che Benevento, centro principale del Sannio, è la città che ne rivendica la più antica presenza.

Non solo: il torrone ed altri dolci simili, ma più vicini ad un croccante e denominati in vario modo, caratterizzano la più antica tradizione pasticcera di Piemonte, Toscana, Emilia Romagna, Veneto, Lazio, Abruzzo, Marche e ancora Puglia, Calabria, Sardegna e Sicilia.

 

Ancora grazie al dialetto, in particolare al nome attribuito al croccante in Sicilia, scopriamo altre ipotesi che ci portano più lontano.

Cubbaita sembra provenire da un termine arabo, cosa che rafforza l’idea di una ricetta di origine mediorientale e diffusasi quindi nei territori – Sud Italia e Mediterraneo – dominati dall’impero islamico.

 

Se si considera, poi, il concetto più ampio di torrone nel senso di dolce fatto di mandorle, nocciole, pistacchi, pinoli legati da una pasta dolce a base di miele, albume d’uovo, miele o zucchero, si deve riconoscere che esso fa parte di una vastissima famiglia di prodotti, di cui le più disparate regioni del mondo – dal Mediterraneo all’India, dai Paesi Slavi e al Medio Oriente – si contendono i natali.

 

Com’è facile immaginare, non esiste un’unica ricetta per il torrone: cambiano gli ingredienti, cambiano le tecniche di preparazione e cottura, che danno le due principali varietà di torrone duro o morbido.

 

Bianco o ricoperto di cioccolato, con frutta secca, canditi, miele di acacia, tiglio, arancia: il torrone rimane uno dei dolci più antichi del mondo e, nelle sue fantasiose varianti, anche tra i più genuini e più vicini ai “sapori della memoria”.

 

 

Foto: Torrone bianco morbido

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*